Home » Articoli » Emergenza Rifiuti. Per il M5S la soluzione è l’isola ecologica
Foto Rifiuti Belvedere elezionibelvedere.it

Emergenza Rifiuti. Per il M5S la soluzione è l’isola ecologica

Riceviamo e Pubblichiamo un comunicato stampa del Movimento 5 Stelle di Belvedere Marittimo:

“Salve, siam qui a denunciare la forte presenza di rifiuti lungo le strade di Belvedere Marittimo.

Sappiamo che questo problema interessa molti comuni della Costa Tirrenica ma la soluzione c’è ed è fattibile nell’immediato: L’Isola Ecologica!

Percorrendo le strade di Belvedere notiamo molti rifiuti speciali che potrebbero esser tranquillamente riciclati.
Son presenti, sparsi lungo la strada e lasciati all’incuria, Monitor, Lattine di vernice, Mobili, Lavastoviglie, Materassi.
Non sappiamo tutto questo dove e come sarà smaltito, quando invece con stoffe e materassi (lavorati e compattati) si potrebbero realizzare pannelli fonoassorbenti e pannelli per isolamento termico utilizzabile durante la costruzione di case.
All’Amministrazione Comunale diciamo che bisogna costituire L’Isola Ecologica, dove dovrann esser differenziati i rifiuti e raccolti porta a porta capillarmente.
L’Isola Ecologica è uno dei punti cardini del MoVimento Cinque Stelle e, dopo l’aumentare dei rifiuti sulle strade, crediamo sia chiaro a molti di quanto ci sia bisogno di essa essendo l’attuale smaltimento dei rifiuti fallimentare.
Vetro, Plastica, Carta, Stoffe in generale ecc. posson esser tranquillamente riciclate e vendute.
Il Rifiuto non deve esser un peso, come lo è attualmente, ma un’ulteriore introito per il Comune.
Restiamo a disposizione dell’Amministrazione, anche per un’Incontro, per trattare questo argomento ed argomentare ulteriormente quanto ci si possa guadagnare (in salute in primis ed in entrate per il Comune in secundis) con la costituzione dell’Isola Ecologica.”

Check Also

Sondaggio Belvedere Marittimo ElezioniBelvedere.it

Sondaggio 1: Chi potrebbe essere il nuovo Sindaco?

A meno di 1 mese dal rinnovo del Consiglio Comunale, entra nel vivo la campagna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *