Home » Articoli » Ovviamente la colpa è delle Imprese

Ovviamente la colpa è delle Imprese

Riceviamo e Pubblichiamo un comunicato di Gianpaolo Natale:

“Ascoltando i comizi delle  liste Impegnate nella competizione elettorale del 25 maggio pv. con estremo dispiacere sento parlare delle frane 2009 argomento che mi duole tanto e mi tange personalmente, in quanto una delle aziende maggiormente coinvolte è quella della mia famiglia.

Purtroppo ho sentito alcuni candidati delle varie  liste trattare, a mio avviso, con estrema superficialità la problematica. In particolar modo ascoltando l’ex sindaco D’Aprile ho appreso che la colpa della mancata erogazione dei fondi all’Ente Comunale e conseguentemente alle imprese,  sia imputabile alle ditte perché con le loro presunte scelte, scellerate a suo dire, hanno permesso l’ascesa di Granata, di fatto segnando la propria sciagura.

Quasi tutte le aziende coinvolte nelle frane ivi compresa la New Building Srl  sono state “guidate male anche dai loro avvocati i quali non sono stati in grado di consigliarle” infatti successivamente ci dice  “che questa materia va trattata da persone capaci, quindi scegliete bene” (cosi definisce i legali che ci assistono e/o ci hanno assistito nella vicenda, che spero vivamente si riservino di tutelarsi). Infatti queste aziende  hanno tentato con scarsa fortuna e più volte la via giudiziaria sotto forma di Decreti Ingiuntivi, ma sempre a causa delle scarse capacità gestionali, gli imprenditori non hanno ancora incassato le spettanze vantate.  Magari caro Architetto ha mai pensato al fatto che le imprese ritenessero di non volerle arrecare un danno personale, con un atto di citazione? E/o che le stesse “imprese” non volessero cagionare un danno immane all’Ente ove operavano? Optando di aspettare per trovare una soluzione politica, fortemente millantata dalle diverse parti.

Comunque per come Lei sostiene la colpa è delle imprese, per il presunto voto espresso nel 2009 in favore della lista Granata, non certamente del Arch. D’Aprile e della sua indiscutibile  capacità amministrativa tanto dal coinvolgere l’Ufficio Tecnico Comunale nelle gestione delle frane,  facendosi esprimere una marea di pareri contrari dall’ ex Dirigente UTC Geom. Scigliano ( ah no ma questo non lo possiamo dire, oggi il Sig. Scigliano propende verso la sua lista, quindi le colpe sono solo delle Imprese).

La colpa è delle Imprese, poiché il Comune da Lei Amministrato nel 2009  ha provveduto a completare i formalismi amministrativi quali  Delibere di Giunta Comunale  solo in data 04-04-2009 ad approvazione delle Ordinanze del Gennaio/Febbraio 2009  violando il TUEL (Testo Unico degli Enti Locali) ed inibendo di fatto alle imprese la possibilità di ricorrere per ingiunzione contro il Comune di Belvedere Marittimo.
La colpa è delle imprese, quando nei mille viaggi della  speranza fatti nei vari organi dello Stato tra Catanzaro e Roma, i tecnici sovra comunali ci dicevano che vi erano diversi vizi nella gestione amministrativa delle ordinanze relative alle frane 2009.

La colpa è delle imprese, poichè per via delle scarse capacità degli imprenditori che le guidano e/o guidavano si sono persi oltre 100 posti di lavoro nelle loro maestranze e tra gli imprenditori medesimi, d’altronde quelle persone erano di Marte a noi che ci importa? Certamente non rappresentavano una fetta dell’economia Belvederese. Giammai si  potesse pensare che le pecche siano imputabili a Lei o alla giunta Granata che l’ha succeduto alla guida del Ente (ah no questo non dovrei dirlo, visto che le imprese erano a suo dire coalizzate con la lista Granata).

Giusto per completare, le imprese stanno provvedendo o hanno già provveduto (come la New Building Srl) ad emettere atti di citazione nei confronti del Sindaco protempore D’Aprile e della sua giunta nonché del Sindaco Granata e della rispettiva Giunta per la riscossione delle somme vantate.

Egr. Arch D’Aprile nell’augurarle di non incorrere anche lei in qualche avvocato con le qualità con cui definisce i nostri, la invito a dosar bene le parole quando parla di frane e soprattutto pensi che le imprese, le maestranze, i tecnici e gli “sgombrati” delle frane, sono soprattutto Cittadini di Belvedere e non di Marte.

Gianpaolo Natale”

 

Per vedere lo stralcio dell’ordinanza con il quale il Pres. Scopelliti dichiara che il contributo delle frane per Belvedere è pari a 0 CLICCA QUI

 

Check Also

Sondaggio Belvedere Marittimo ElezioniBelvedere.it

Sondaggio 1: Chi potrebbe essere il nuovo Sindaco?

A meno di 1 mese dal rinnovo del Consiglio Comunale, entra nel vivo la campagna …

One comment

  1. mauro d'aprile

    DA “LALTRASINISTRA” 12 Marzo 2011

    l’ex sindaco di Belvedere, Mauro D’Aprile, è da arrestare PDF Stampa E-mail
    Scritto da mauro d’aprile
    Sabato 12 Marzo 2011 11:23

    Reo di essersi inventato i nubifragi del Gennaio 2009 e di aver affidato incautamente, attraverso Ordinanze, lavori di massima urgenza a tutte le Ditte Locali per interventi su: fronti frane inesistenti, sgomberi in genere, canalizzazione di acque, tracimazioni di torrenti, rimozione di detriti e fanghi, pulizia strade e locali, sgomberi da alloggi per 36 nuclei familiari pari a un numero di 96 cittadini.
    Le stesse Ditte, sebbene non avessero rinvenuto sul territorio gli elementi di pericolo succintamente descritti, ubbidienti e consenzienti al contenuto delle Ordinanze di sgombero, nell’approfittare dell’opportunità offerta dall’inventiva del Sindaco, hanno velocemente avviato lo spostamento di mezzi e uomini nelle località indicate, mentre i 96 cittadini hanno optato per una vacanza, insperata ancora da non interrompere, in una comoda dimora di Albergo al Mare! L’operato dell’ex Sindaco, è stato oggetto di dibattito nel Consiglio Regionale Calabrese.
    Lo stesso Presidente Scoppelliti nel relazionare il resoconto di impegno sul D.P.C.M 3741, stigmatizzava il comportamento dell’ex Sindaco di Belvedere quale subdolo tentativo per poter portare in porto lavori pari a 11 milioni di euro, non attinenti ai danni alluvionali del Gennaio 2009. Una posizione di rigore “morale” quella del Presidente di Giunta Regionale che ha messo a nudo gli artifici dell’ex Sindaco, evidentemente interessato, per altri versi, all’operazione della “falsa” somma urgenza, stabilita dalla medesima OPCM 3741, a valle di apposito Decreto di Presidenza dei Ministri di dichiarazione di Calamità Naturale. Coerentemente con la posizione assunta, di fatto, il Presidente Scoppelliti decideva di escludere il Comune di Belvedere dall’erogazione dei fondi di prima assistenza alla popolazione e dei primi interventi di somma urgenza , prevista nell’OPCM 3741, con apposita copertura all’art.5, pari a 15 milioni di Euro.
    Chi troppo vuole, nulla ottiene! E’ questa una vera lezione per l’ex Sindaco D’Aprile con maggioranza di Centro Sinistra!
    Meritevole resta invece l’attuale Sindaco Granata, con maggioranza di Centro Destra!
    Sulla spinta della condivisione generale delle stesse Ditte, titolari di Ordinanze degli inesistenti lavori e dei cittadini interessati al prolungamento di Stagione, l’attuale Sindaco, nel ribadire energicamente ed efficacemente che comunque le Ditte erano in qualche modo presenti sui luoghi, strategicamente, individuati come possibili fronti frana e che di notte 96 cittadini, si erano pur bagnati per meritare una vacanza valida per un anno, chiede lo sconto a 3, 7 milioni di Euro, pari al resoconto di lavori, se pur falsamente urgenti, comunque eseguiti alla data del 5 Aprile 2009.
    Questa efficace operazione di appena un anno e mezzo di tempo, durante il quale si sono susseguite commissioni preposte anche da parte dell’organo regionale per le opportune verifiche, nomina di tecnici in sostituzione del “riluttante” Responsabile di Ufficio del Comune e non ultima, una gita romana, proposta dallo stesso Sindaco Granata, presso la Presidenza del Consiglio settore Protezione Civile, con lo scrivente in funzione di Delegato Consiliare, ha convenuto l’impegno di una ispezione superiore, non ancora avvenuta!
    La stessa Regione, in subordinata, chiede un parere tecnico-legale alla Presidenza del Consiglio circa la legittimità degli atti e dei lavori. In effetti sono da riscontrare delle anomalie riconducibili alla mancata validazione del resoconto contabile dei lavori da parte del Responsabile Ufficio tecnico del Comune di Belvedere il quale, non controfirma, esprimendo parere contrario, la Delibera di Inoltro degli Atti alla Prefettura, organo individuato dalla stessa OPCM, quale ricettore.
    Secondo la Commissione Regionale di Valutazione la posizione assunta dal Responsabile Ufficio Tecnico pregiudica qualunque esame di merito, con l’ aggravante di una vistosa illegalità riscontrata nel contenuto delle 66 Ordinanze che consentono, alle stesse ditte, la scelta dei Tecnici dall’apposito Albo Comunale, per l’immediata direzione dei medesimi lavori, contenuti nella data del 5 Aprile 2009, con riserva di presentazione di progetto postumo, da accludere comunque agli atti. Il sottoscritto, pertanto, ha deciso di avviarsi alla Locale Caserma dei Carabinieri ed autodichiararsi in Stato di Fermo in attesa di Giudizio, e questo, anche per dare conferma alla solidarietà espressa, dall’attuale Sindaco, nei diversi bar della Città che, per non pregiudicare il suo predecessore giustifica una sua “molle” insistenza di richiesta.
    Durante il tragitto per la “clausura” il sottoscritto scopre, peraltro, di avere il tempo per pensare, magari si obietterà di “pensare male” ma, libero di pensare: “E’ forse questo”, il sintomo di una inqualificabile mancanza di preparazione? Oppure un maldestro tentativo di sfuggire alle responsabilità derivate dall’aver distratto i legittimi fondi stabiliti in 15 milioni di Euro, previsti all’art. 5 e destinati esclusivamente agli alluvionati del Gennaio 2009 dalla OPCM 3741?
    Perché veda, Presidente Scoppelliti, Lei nelle sue funzioni, non ha scampo!
    Se è, Suo profondo convincimento trovarsi di fronte una persona capace delle “azioni oblique” intraprese, non deve fare altro che inviare gli atti alla Magistratura Ordinaria! Quella stessa che Le ha Arrestato un Consigliere Regionale in Odore di Ndrangheta, molto attiva dalle Sue parti! Se ritiene Lei ed il Suo ufficio legale, le Ordinanze illegittime, deve impugnarle nelle sedi Amministrative di Competenza! Una cosa Lei, non può fare! Quello che sta facendo: non chiedere il Parere e l’Autodeterminazione, per eventuali delucidazioni e controdeduzioni all’Unico organo amministrativo competente, quanto il Suo: il Comune di Belvedere Marittimo, nel suo Organismo del Consiglio e conseguenti Determinazioni Sindacali.
    A tal riguardo mi permetta di sottolinearLe che la materia di cui ci stiamo occupando, riguarda il potere di Deroga alla normativa primaria conferito ad autorità amministrative munite di potere di Ordinanza che ha carattere eccezionale ed esige la sussistenza di un nesso di congruità proporzionale tra la qualità e la natura dell’evento calamitoso e le misure concretamente adottate per fronteggiarlo!
    Nelle notti, affatto sideree di Gennaio 2009, On. Presidente Scoppelliti Lei non c’era. La può confortare sapere che non c’era neanche il Responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Belvedere. C’erano solo i Carabinieri, quelli che mi dovrebbero Arrestare! Mi creda, avendoci lavorato insieme, non meritano questo fastidio: li raggiungo io! C’é comunque un altro Tribunale Competente, quello della Corte dei Conti Regionale che, a valle degli inevitabili Atti Ingiuntivi già proposti dalle Ditte e dai Cittadini, con richiesta di risarcimento danni maturabili a carico del Comune di Belvedere, sarà chiamato a valutare la responsabilità contabile del danno erariale per l’Ente.
    Peccato che questo Onorevole Tribunale non possa stimare e valutare le connivenze politiche intrise negli Atti, quello di un ritardo secolare voluto per far cadere finalmente la “manna dal Cielo” quale merito della Sua Amministrazione, magari in occasione di elezioni. Ci ha ormai abituato a questo! Il Piano Casa ne é stata una dimostrazione! Ma Lei non é preposto per elargire elemosina! Deve constatare, anche per i poteri sostitutivi che detiene in qualità di Commissario in materia di Protezione Civile, e quindi obbligato a sopperire alle inerzie degli altri Attuatori che la OPCM individua, se esistono i lavori denunciati, se i resoconti contabili rispondono al vero, defalcare quelli non corrispondenti e non pagare eventualmente i tecnici illecitamente nominati! Se ci sono responsabilità indotte da illecito, poi si vedrà! Mauro D’Aprile- il Sindaco di Gennaio 2009 – 12.03.2011

    per non dimenticare…Giornata della Memoria a Belvedere PDF Stampa E-mail
    Scritto da mauro d’aprile
    Lunedì 28 Gennaio 2013 18:59

    Ci sono tante, molte, cose da ricordare nella sofferenza della nostra cittadina. Indubbiamente quella dell’olocausto nazista ai danni degli ebrei legato ad una giornata ben calendarizzata dell’anno, di tutti gli anni, ha la sua precedenza, quale umana pietas cosmica, sebbene, per noi guastata dalle deliranti interpretazioni di un Berlusconi dormiente.
    Nel nostro piccolo ci sono altri eventi che rischiano di essere dimenticati, quale naturale oblio di cose apparentemente lontane ma che ancora innocue non sono ed, i cui effetti, restano drammaticamente attuali. Quello del riconoscimento di diritti calpestati da parte della Giunta Scopelliti ed in particolare dallo stesso Presidente in qualità di Commissario di Protezione Civile, circa i danni alluvionali del Gennaio 2009, é “moralmente” paragonabile ad una shoah della imprenditoria belvederese.
    Non sarà certamente la Campagna Elettorale Politica in atto a provocare una conveniente fase di “Utile Distrazione” dalla situazione disperata in cui versa la vicenda amministrativa del nostro Comune. Altrettanto non saranno certamente le sirene delle facili promesse elettorali, ed ancor peggio le inspiegabili adulazioni di attesa fiduciosa nei singoli candidati al Parlamento Nazionale, a dare tranquillità, mistificando sulla natura specifica del problema che non ha nulla di Politico ma solo ed esclusivamente di Giuridico-Amministrativo: Scopelliti ed il proprio Staff tecnico Regionale hanno avuto torto marcio sulla vicenda delle Ordinanze emesse dal Comune di Belvedere per far fronte ai danni alluvionali del 2009. Le Ordinanze sono state ritenute prive di quei presunti vizi di legittimità rilevati dalla Struttura Tecnica del Commissario Regionale e pertanto le Imprese, esecutrici, vanno pagate per i Lavori realmente Effettuati!
    Essendo giuridicamente legittime, le Ordinanze dell’allora Sindaco D’Aprile mettono il Comune di Belvedere nella situazione dei molti altri comuni, regolarmente liquidati dal Commissario Scopelliti, ai sensi dell’OPCM 3741, ed in particolare con i fondi previsti all’art. 5 della stessa, pari a 15.Milioni di Euro, riservati alle spese di prima assistenza alla popolazione, coordinati insieme alla Prefettura che, per competenza stabilita dalla Legge Nazionale di Protezione Civile vigente, ha riconosciuto i danni di che trattasi. La stessa OPCM 3741 stabiliva che qualora il fondo stanziato all’art. 5 non fosse bastato alle occorrenze, all’uopo, avrebbe fatto fronte il Ministero delle Finanze.
    Parimenti, le conclusioni del Commissario del Servizio Ispettivo di Finanza Pubblica, nominato a seguito osservazioni da parte della Regione alle Ordinanze Sindacali, concordano con le conclusioni del TAR Lazio, pronunciatosi per competenza a seguito opposizione del Comune di Belvedere al Decreto di diniego di Scopelliti, di procedere al riesame delle pratiche, in ragione dei lavori effettivamente svolti dalle imprese e, riconducibili alla prima necessità:
    sgombero dalle abitazioni e ricovero di emergenza, rimozione di detriti ostruenti il libero traffico per la incolumità pubblica, regimazione delle acque effluenti se ostativi alla sicurezza dei cittadini, opere per la non tracimazione delle stesse, interventi di ripristino reti fognanti ed elettriche, riprofilamenti e consolidamenti dei pendii a ridosso di strade, attraversate da pulmini per scuolabus, o di unico collegamento alle contrade.
    La “Vergognosa Desistenza” da parte dello stesso Presidente di Giunta Regionale, diviene così un fatto squisitamente Politico che potrebbe avere una sua logica nell’evidente tentativo di mascherare le “lacune giuridico-amministrative” della propria struttura, e parimenti, nell’ostinazione a rinviare una decisione, dovuta, per calcolati scopi elettoralistici, riproponendosi di risarcire tramite Comune i molti imprenditori belvederesi , eventualmente, in tempi fittiziamente prestabiliti.
    Di seguito si riporta un Verbale di Accordo dell’11 Gennaio 2012 fra lo stesso Presidente Scopelliti ed il Ministro della Coesione Territoriale On. Barca, il cui interesse è quello di integrare la dotazione di fondi per la Regione Calabria, derivante da precedente disponibilità del Ministero dell’Ambiente. Il Governo Monti, anche in questo caso, si è dimostrato positivo per noi.
    E’ doveroso allora ricordare, che l’avvicendamento dell’Amministrazione a guida Granata ed in generale il cambio di indirizzo politico alla Regione Calabria, ha provocato una emarginazione che è la risultante dello scarso peso qualitativo di rappresentatività del Sindaco e dell’intera Giunta, incapaci di far valere anche i semplici diritti acquisiti. Gli stessi si sono dmostrati inconcludenti nel proseguimento delle numerose opere da me avviate, capaci, inoltre, di perdere finanziamenti già acquisiti!
    Questa Amministrazione é da ricordare semplicemente come l’Amministrazione del deficit strutturale di Bilancio che richiama ed evidenzia le difficoltà alle quali nel prossimo futuro si andrà incontro per dare vita ad una compagine di persone con profonda conoscenza e capacità adeguate alle nuove misure gestionali dell’Ente. Interrompere definitivamente il rituale belvederese del teatrino delle scambievoli reciproche “autoreferenze” di comodo, puntualmente annunciate nella fase di predisposizione delle liste, ma mai in seguito dimostrate nell’amministrare.
    Manifestare “pietas”, in questo caso, quale benevola solidale commiserazione per gli altrui limiti, servirebbe semplicemente a procrastinare quella mediocrità, capace di provocare, definitivamente, il nostro Olocausto Civile. Mauro D’Aprile Gruppo L’Orizzonte – 28.01.2013

    Per come puoi notare non ho trattato l’argomento solo in questa occasione. La questione mi sta a cuore e certamente non nei termini di quel “sciacallaggio politico-affaristico” a cui qualcuno vuole condurlo. Mi sembra sacrosanto mio diritto umano e dignitoso atteggiamento offrire una puntigliosa risposta, alla luce della Legittimità dei miei Atti sancita dal TAR LAZIO (con Regione e Ministero costituiti), alle offese alla mia persona dichiarate dal Presidente Scopelliti in sede di dibattito Consiliare e riguardanti presunti “Interessi Biechi” sui Lavori Ordinati. Se Mi é consentito, col tuo permesso e quello degli “Avvocati” ai quali, da navigato amministratore della cosa pubblica, per evitare quanto già accaduto con i primi Decreti Ingiuntivi, suggerisco di indirizzare questi alla Persona del Sindaco pro-tempore e non all’Ente, trattandosi di Somma Urgenza, previa inefficacia degli stessi, mi é sembrato politicamente appropriato il momento di manifestare ad un “Soggetto Bieco”, pluricondannato in primo grado di giudizio per debiti Fuori Bilancio per 56 Milioni di Euro ed implicato in un accertamento per tragico Suicidio della propria Collaboratrice, il mio più viscerale “DISGUSTO” di essere stato, sia pure per un momento, meritevole della sua attenzione. Di conseguenza il mio disgusto per tutti coloro che ne condividono percorsi ed idee ed ancor di più pretendono di legare le sorti della nostra Nobile e Civile Città alle sue. Io mi auguro che non sei fra questi, altrimenti non ti avrei risposto. con l’affetto di sempre mauro d’aprile.

  2. Your comment is awaiting moderation.

    Amoxicillin Dose For Cat Bite How To Order Cialis [url=http://antabusefast.com]antabuse without scrip discount[/url] Propecia Veneno Sin

  3. Your comment is awaiting moderation.

    Cheap Ed Meds Uk Alli Ordering In Canada Indomethacin For Sale [url=http://buylevi.com]generic levitra 20mg[/url] Canada Pharm

  4. Your comment is awaiting moderation.

    Canadian Pharmacy Ed Meds [url=http://buygenericvia.com]viagra[/url] Costo Propecia Achat Amoxicillin Generique

  5. Your comment is awaiting moderation.

    Levitra Acquisto Italia Amoxicillin Colitis [url=http://cialibuy.com]generic cialis canada[/url] Zithromax For Flu

  6. Your comment is awaiting moderation.

    Tadalis Sx Soft Side Effects Tretinoin Cream U.S.P [url=http://cialibuy.com]cheap cialis online[/url] Canadian Pharmacy Without Perscription Side Effects To Amoxicillin In Babies Viagra Entrega 24h

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *