Home » Articoli » Non prendiamoci in giro!
castello belvedere elezionibelvedere.it

Non prendiamoci in giro!

Rabbia e rancore è ciò che emerge dalle parole di Salvatore Montebello pubblicate sulla nostra pagina Facebook. Il centro storico di Belvedere Marittimo è un argomento presente molto spesso nei programmi elettorali ma quasi mai affrontato. Allora ci chiediamo: ” è giusto dimenticarsi di un così importante patrimonio culturale e storico per il paese?”

Riportiamo di seguito l’intervento sopra menzionato

SCUSATE IL MIO DISAPPUNTO…MA MI CHIEDO, I SEDICENTI SIGNORI CHE “PENSANO” DI FAR POLITICA E CONTINUANO DA 20 ANNI A DIRE CHE L’ECONOMIA DEL PAESE INIZIA DAL CENTRO STORICO…UNA DOMANDA, QUANDO 9 ANNI FA LA MIA FAMIGLIA INVESTI’ AL CENTRO STORICO PORTANDO IN UNA SOLA ESTATE 30 MILA PERSONE….E IN CAMBIO TROVAMMO UNA MATTINA UNA FINESTRA CHIUSA “NELLA NOTTE” PERCHE’ A QUALCHE “DON”  GLI DAVA FASTIDIO…DOVEVA RIPOSARE PER MOTIVI DI SALUTE (10 GIORNI ALL’ANNO)…..MENTRE I COCKTAIL NELLE DISCOTECHE SCENDEVANO, COME ACQUA MINERALE (PRESCRIZIONE MEDICA: NO MEDICINE, SI ALCOOL)…DOVE ERAVATE INVECE DI TUTELARE UN’ ATTIVITA’ NEL CENTRO STORICO??? P.S. QUINDI PENSO CHE FINO A QUANDO RESTANO VIVI CERTI SIGNOROTTI NEL CENTRO STORICO, VOI RIMMARETE SUCCUBI E SERVITORI???
NON FARETE MAI NIENTE PER TUTELARE UN PAZZO CHE INVESTE NELLO STESSO???…E AGGIUNGO, NONOSTANTE IO SIA RESIDENTE PROPRIO NEL CENTRO STORICO, PER UNA EQUILIBRATA ECONOMIA, PENSEREI ANCHE DI STACCARE LE LUCI NELLE VIUZZE ALLE 19…PER UN RISPARMIO SICURO!!! MI FERMO…MA SE STUZZICATO FARO’ IL SECONDO CAPITOLO.

Check Also

Sondaggio Belvedere Marittimo ElezioniBelvedere.it

Sondaggio 1: Chi potrebbe essere il nuovo Sindaco?

A meno di 1 mese dal rinnovo del Consiglio Comunale, entra nel vivo la campagna …

2 comments

  1. quoto!

  2. Gianluigi Capano

    “riqualificazione del centro storico” e “ristrutturazione del castello angioino-aragonese” sono i termini più abusati nei programmi delle liste da 30 anni a questa parte!

    prima hanno venduto il paese (tutto!) a costruttori, ferrovie e “figli di papà” e adesso vorrebbero farci credere di volersene riappropriare!

    basta con le solite facce al servizio di pochi, a discapito del popolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *